ERVET segnala il convegno organizzato dalla Regione Lombardia e dall’Istituto di Management della Scuola Sant’Anna, Scuole Universitarie Federate, nell’ambito dell’accordo “T.R.A.C.C.I.A.” e del progetto Life “E.F.F.I.G.E.”, un evento importante per fare il punto sul percorso di sviluppo dello Schema “Made Green in Italy”.

La Legge sulla “Green Economy” (221/2015) conteneva un provvedimento mirato ad innescare un circolo virtuoso tra competitività dei sistemi produttivi del Made in Italy e sostenibilità ambientale, in grado di offrire alle imprese del nostro Paese una formidabile sponda su cui far leva per migliorare l’immagine e l’appeal dei propri prodotti sul mercato. Si tratta dello schema “Made Green in Italy” per la valutazione, certificazione e comunicazione della Impronta Ambientale dei prodotti italiani, il cui Regolamento attuativo dovrebbe in questi giorni vedere la luce con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Questo schema concretizza l’opportunità per l’Italia di applicare, prima fra i Paesi dell’UE, l’innovativo metodo della PEF – Product Environmental Footprint proposto dalla Commissione Europea per misurare e comunicare al mercato l’impatto ambientale dei prodotti in commercio così da favorire, agli occhi del consumatore, quelli più “green”. Il metodo si basa sulla ben nota “analisi del ciclo di vita”, uno strumento oggi ancora poco applicato nelle PMI, ma che sta incontrando un crescente interesse soprattutto da parte delle imprese del Made in Italy.

ERVET in qualità di membro del Comitato tecnico-scientifico della Rete Cartesio ha collaborato fattivamente con il Ministero dell’Ambiente sia alla scrittura dell’articolo 21 della La legge 28 dicembre 2015, n. 221 sia alla stesura del Regolamento attuativo dello schema Made green in Italy, anche sulla base delle esperienze portate avanti nelle Regioni aderenti. In particolare le sperimentazioni della PEF condotte nell’ambito del progetto Life PREFER rappresentano un test significativo dell’applicabilità della metodologia europea nelle aziende italiane.

Il convegno offrirà agli operatori economici interessati una preziosa occasione di confronto per fare il punto sul percorso di sviluppo dello Schema “Made Green in Italy” e per presentare alcune iniziative progettuali e azioni cooperative che coinvolgono alcuni fra i settori-chiave della tradizione e dell’eccellenza produttiva del nostro Paese, come l’accordo T.R.A.C.C.I.A. (Tavolo Regionale per Accrescere la Competitività Con l’Impronta Ambientale) e il progetto E.F.F.I.G.E. (Environmental Footprint For Improving and Growing Ecoefficiency) finanziato dal Programma Life dell’Unione Europea. La parte finale del convegno aprirà una prospettiva sull’immediato futuro e sulle necessarie azioni di supporto che il percorso di eccellenza “green” appena iniziato.

 

Martedì 27 marzo
9.00 – 18.00
Palazzo Pirelli, via Fabio Filzi 22, Milano

 

Programma del convegno

 

Link a notizie correlate

http://www.ervet.it/?p=8421