Dopo una breve interruzione dovuta all’emergenza sanitaria CoVid-19, il progetto Delta Lady ha ripreso gli incontri con il Gruppo di Attori Locale (Regional Stakeholder Group) in modalità “a distanza”.

Gli stakeholders coinvolti sono stati i rappresentanti dei Comuni dell’area del Parco del Delta del Po.

Obiettivo dell’incontro è stata la condivisione degli avanzamenti di progetto.

 

L’incontro

L’incontro si è aperto con un intervento dell’Università di Ferrara, che ha presentato i risultati preliminari dell’indagine in corso tramite la raccolta di questionari per la valutazione economica del valore delle aree umide.  Alessandro Bosso di ART-ER ha proseguito con la descrizione degli strumenti di possibile integrazione dei servizi ecosistemici all’interno dei Piani di Stazione, sottolineando il loro ruolo strategico nel contesto normativo di pianificazione territoriale della Regione Emilia-Romagna attraverso un breve approfondimento sulla “Strategia per la qualità urbana ed ecologico-ambientale e valutazione di sostenibilità ambientale e territoriale del PUG” e ha stimolato le riflessioni dei presenti su tre livelli:

  • Quali ambiti di applicazione dei piani di stazione agiscono i servizi eco-sistemici?
  • Quali scelte di pianificazione sono influenzate dai servizi eco-sistemici
  • Quali ricadute emergono, per il territorio, dalla quantificazione dei servizi eco-sistemici?

La riunione si è infine concentrata sulla presentazione, da parte dei tecnici del Parco, degli esiti di incontri con i Comuni finalizzati ad evidenziare criticità e potenzialità degli attuali Piani di Stazione.  L’incontro si è chiuso con la condivisione di esperienze da parte di Comuni presenti.

Il Comune di Cervia ha presentato il proprio approccio di inclusione dei servizi eco-sistemici nella pianificazione locale fornendo interessanti e utili sollecitazioni per la definizione dell’Action Plan da parte dei partner di progetto.