I progetti relativi a questi ambiti di attività rispondono a vari Servizi dell’Amministrazione Regionale, aziende e enti pubblici dell’Emilia Romagna. I monitoraggi stabilmente posti in essere riguardano il complesso dei cantieri a committenza sia pubblica che privata con indicazione dei lavori previsti e delle imprese attuatrici, il sistema abitativo in generale e i servizi di edilizia residenziale pubblica gestiti dalle ACER in particolare. Qualità e sicurezza nei luoghi di lavoro e del costruire sono rilevati anche attraverso l’elaborazione dei dati provenienti dagli organismi di vigilanza con specifico riferimento alle norme previste dal D. lgs 81/2008 e ad attività di supporto alla Regione nell’applicazione delle Ll.Rr. 2/2009 e 3/2014.

 

PROGETTI IN CORSO

SICO Emilia-Romagna

La Regione Emilia-Romagna ha promosso con la DGR 217/2013 un proprio modello unico della Notifica Preliminare prevista dall’art. 99 del D. lgs 81/2008 (Notifica Unica Regionale, N.U.R., che amplia in maniera motivata il campo delle informazioni già richieste a livello nazionale) e la realizzazione di un sistema informativo costruzioni (SICO) finalizzato alla completa dematerializzazione di tale atto.  Dal 2013 il sistema informativo SICO è operativo sull’intero territorio regionale e permette agli utenti di accreditarsi rapidamente, compilare la notifica preliminare e sue eventuali integrazioni validandone i contenuti in tempo reale, la contestuale consultazione dei dati da parte delle AUSL, Direzioni territoriali del Lavoro e Amministrazioni Municipali territorialmente competenti, la periodica trasmissione di dati agli altri enti aventi diritto. In base agli accordi sottoscritti con la Direzione Regionale del Lavoro, l’utilizzo congiunto delle trasmissioni di posta certificata (PEC) e ordinaria abbinato alla dotazione di cruscotti dedicati consente di ottemperare all’obbligo di invio previsto dalla normativa vigente e la conservazione digitale degli atti e delle comunicazioni presso il Polo Archivistico Regionale PARER. Grazie sia alla facilità di uso sia alla innovativa articolazione SICO è risultato finalista al premio “e-government” allo SMAU di Milano 2014. L’utilizzo del sistema SICO (www.progettosico.it) acquisisce inoltre ulteriore valenza amministrativa nell’area dei comuni colpiti dagli eventi sismici del maggio 2012 per effetto dell’ordinanza commissariale 29 del 28 agosto 2012 ed è uno degli elementi di riferimento per la costituzione dell’anagrafe degli esecutori gestita dalla Regione Emilia-Romagna per il controllo della legalità negli interventi di ricostruzione.

 

Osservatorio Regionale del Sistema Abitativo

In applicazione degli artt. 16 e 17 della L.R. 24/2001 (ora rinnovata dalla L.R. 24/2013) la Regione Emilia-Romagna ha istituito sia un Osservatorio Regionale del Sistema Abitativo che una Anagrafe dell’intervento pubblico in materia di edilizia residenziale sociale, con la raccolta ed elaborazione di dati su patrimonio e utenza di edilizia residenziale pubblica (ERP), di informazioni provenienti dalle Amministrazioni Municipali e dalle risultanze delle indagini di Customer Satisfaction sui servizi abitativi effettuata per conto di diverse Aziende Casa (ACER) certificate ai sensi delle norme UNI EN ISO 9000.  Oltre alla produzione di documenti su specifici aspetti legati all’ERP, attualmente le attività di ERVET consentono di disporre di un quadro aggiornato di informazioni relative appunto al sistema abitativo regionale, a partire da:

  • Popolazione  e  domanda  residenziale,  individuando  nelle  modifiche  della struttura demografica il primo elemento di cambiamento tanto in termini di mercato che di fabbisogno.
  • Condizione delle famiglie e fenomeno abitativo, utilizzando prevalentemente dati  campionari  ma  attivando  anche  rilevazioni  specifiche  su  gruppi rappresentativi di significative esigenze locali.
  • Locazioni, sfratti e misure di sostegno all’affitto, riassumendo in questa parte anche l’insieme delle politiche poste in essere a scala locale, regionale e nazionale.
  • Parco  alloggi  e  attività  edilizia,  accentrando  l’attenzione,  per  quanto possibile, sull’effettiva esistenza di immobili a destinazione residenziale sul territorio in attesa di migliorare il dato sull’attività, anche con ricorso alla fonte informativa SICO.
  • Mercato  immobiliare  e  aspetti  collegati,  con  valutazioni  economico-finanziarie soprattutto in termini di differenziazione territoriale piuttosto che di livello assoluto dei prezzi immobiliari.
  • Contesto  socio-economico  e  quadro  riassuntivo,  fornendo  un  riepilogo ragionato dei dati raccolti e collocato in uno scenario regionale.

I rapporti sono disponibili alle pagine web http://territorio.regione.emilia-romagna.it/politiche-abitative/studi-analisi-pubblicazioni-1/orsa-osservatorio-regionale-sul-sistema-abitativo.

 

Sistema informativo autotrasporto conto terzi

La Regione, per lo svolgimento delle funzioni di osservatorio di cui all’articolo 9 della L.R.  3/2014  si  impegna  a  mettere  a  disposizione  un  sistema informativo per la condivisione di dati utili per il controllo della legalità nel settore dell’autotrasporto di merci.

Questa finalità è perseguita tramite attività iniziate nel 2014 e che hanno come obiettivi progressivi:

  • la opportuna contestualizzazione delle relazioni tra i soggetti coinvolti e delle criticità del settore di riferimento
  • l’analisi dei software in uso presso le Amministrazioni Provinciali e gli uffici della Motorizzazione
  • la verifica qualitativa di informazioni accessibili e delle procedure in essere per la loro gestione
  • la definizione di proposte operative e di una architettura per la realizzazione del previsto sistema informativo

L’attività istruttoria in svolgimento, oltre che propedeutica alla realizzazione del citato sistema informativo, può offrire un contributo anche alla predisposizione di altre piattaforme tecnologiche quale quella ipotizzata per il comparto del facchinaggio.

 

Monitoraggi e supporto in materia di Salute Prevenzione e Sicurezza del Lavoro

L’attività consiste principalmente in un supporto continuativo all’Ufficio Operativo del Comitato ex art. 7 D. lgs 81/2008, comitato che coordina le attività di prevenzione e vigilanza in materia di  salute e sicurezza sul lavoro secondo la disciplina del DPCM 21 dicembre 2007. Lo svolgimento comporta  sia l’impostazione delle indagini sia l’elaborazione dei dati, la predisposizione di opportuna modulistica, la partecipazione ai gruppi di lavoro attivati dalle AUSL. La produzione di una informativa così ampia si è sinora articolata su più documenti da utilizzare in sede di Comitato e gruppi di lavoro o per finalità interne al Servizio regionale competente tramite:

  • Inquadramento sistemico delle relazioni riguardanti le sezionii territoriali permanenti  del  Comitato  regionale  di  coordinamento  delle  attività  di prevenzione e vigilanza.
  • Elaborazione di informazioni provenienti da analisi degli infortuni e delle malattie  professionali  in  Emilia-Romagna, in collaborazione con le AUSL e INAIL.
  • Inquadramento di informazioni riguardanti l’utilizzo di fondi ex D. Lgs 758/94, finalizzati al perseguimento di progetti specifici in materia di prevenzione e tutela della salute e sicurezza sul lavoro.
  • Elaborazione di informazioni provenienti dal gruppo di lavoro edilizia, con particolare riferimento a specifici dati sui cantieri e allo studio dell’utilizzo dei dati provenienti dalle notifiche preliminari

Attività con analoghe finalità ma anche relative alla gestione di procedure riguardanti la rimozione e smaltimento amianto (Progetto SIRSA) piuttosto che l’organizzazione interna e i Servizi di Prevenzione e Protezione risultano recentemente commissionate anche su incarico da parte di singoli soci di ERVET.

 

Assistenze tecniche alle L.R. 2/2009 e agli Accordi con le forze sociali

L’assistenza tecnica alla Regione in materia di Sicurezza nei cantieri edili e di ingegneria civile è una azione di accompagnamento di cui le pagine web www.regione.emilia-romagna.it/sicurezza-nei-luoghi-di-lavoro sono l’espressione più nota e che negli anni si è caratterizzata per attività di vario tipo, dalla impostazione di un piano di marketing per la L.R. 2/2009 alla realizzazione di un sistema di classificazione e restituzione di sentenze della Corte di Cassazione, dalla individuazione e sintesi di documenti tecnici opportunamente selezionati alla pubblicazione di rapporti di ricerca realizzati su finanziamento Ministeriale (progetto s&cante).  Documenti consultabili nelle sezioni riguardanti:

  • Strumenti per promuovere la sicurezza nel settori
  • Regole per governare il settore
  • Linee-guida per qualificare imprese e lavoratori
  • Dati e documenti per conoscere i problemi dei cantieri

Sul fronte specifico delle collaborazioni con le forze sociali, le assistenze hanno riguardato protocolli e tavoli di lavoro tra Regione Emilia-Romagna e le rappresentanze sindacali del settore edile, in particolare in materia di mercato del lavoro, formazione e sicurezza nelle costruzioni sviluppando sia attività con gli enti bilaterali e Formedil in particolare, sia progetti specifici con la partecipazione di enti pubblici e imprese. Un importante campo di ricerca che è opportuno segnalare è stato quello della responsabilità sociale, prima con il progetto Building Responsible Competitiveness (http://www.improntaetica.org/file/docs/BRC_guideline_ENG_web.pdf) finanziato dall’Unione Europea, poi con la serie di workshop conclusisi nel 2015 e organizzati anch’essi in partnership con Impronta Etica (http://www.improntaetica.org/2015/01/la-valorizzazione-degli-aspetti-sociali-negli-appalti-pubblici-nel-settore-delle-costruzioni/) aventi quale oggetto un approfondimento sull’inserimento di aspetti socialmente responsabili negli appalti pubblici.

 

Responsabile: Daniele Ganapini
E-mail: dganapini@ervet.it